Hanno bussato al rifugio e il personale ha visto un piccolo cucciolo che era in una scatola con un biglietto

Il cucciolo era nella scatola e accanto c'era un biglietto. I dipendenti si sono subito accorti che il cane aveva un padrone e che fino a poco tempo fa viveva in famiglia.

e pare che non può prendersi cura di un animale domestico, per questo l'hanno consegnato ad un rifugio.

)

Il ragazzo in la nota rilevava che hanno deciso un tale “atto” insieme alla madre, segretamente dal padre. Dopotutto, al padre non solo non piacevano i cani, ma prendeva anche in giro l'animale. C'è stato anche un caso in cui lo ha preso a calci, e il cucciolo si è rivelato avere una coda danneggiata.

Il ragazzo ha anche scritto che voleva che il personale del rifugio si prendesse cura del suo cane. Ha attaccato il suo peluche alla scatola in modo che il cane non si dimenticasse dell'ex proprietario.

questa nota, non hanno potuto trattenere le lacrime. Sapevano quanto sia difficile dare un amato cucciolo in un rifugio. Ma semplicemente non c'era altra via d'uscita.

ha scritto immediatamente sul social network. A proposito, più di 300 persone hanno risposto a questo post e hanno voluto portarlo alla loro educazione.

Dato che un gran numero di sono arrivate risposte al , per “adottare” Rene (così si chiamava il cucciolo), poi il personale del rifugio ha deciso di non darlo a nessuno. Ma ora tutti sanno che tutto andrà bene con il cane! È trattato con amore e protetto in ogni modo possibile.

Fonte: duck.show

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici su Facebook: