La storia del gatto dagli occhi pop Fedi ha toccato i social

Le persone molto spesso prestano attenzione alle creature belle, ma anche più spesso – alle creature imperfette. E il gatto Fedya di Rostov è proprio tale che anche la sua amata amante riconosce.

aiuta l'animale, quindi non resta che raccontare la sua storia.

Vi presento Fedya. Sì, ha molti problemi.

Alcuni anni fa, un gatto di strada è venuto nel cortile di Natalya per dare alla luce un paio di gattini, uno dei quali era Fedia. Natalya ama i gatti e voleva aiutarli, ma si è scoperto esattamente il contrario: la mamma gatta era spaventata e nascondeva costantemente i gattini.

Fedya con sua sorella e sua madre

Fedya, come in quella battuta, veniva spesso lasciata cadere per la testa. Natalia l'ha visto lei stessa.

Tutta l'infanzia è uno stress continuo. Malnutrizione, percosse, paure e malattie.

Una delle probabili ragioni di questo atteggiamento di un gatto nei confronti di un gattino è la deformità congenita. Natalia sospetta difetti genetici, ma non ha modo di eseguire i test. Sì, e non c'è nemmeno desiderio, perché è improbabile che Fedya venga curato. Lascialo vivere così.

A ha anche molte, molte piaghe ordinarie – una sarà curata, un'altra apparirà

Feda aveva solo un paio di mesi quando sua madre morì. Natalya ha catturato il gattino e ha cominciato ad addomesticarlo.

Fedya non sapeva cosa fosse la “socializzazione”. Ad esempio, non sa ancora come accarezzare, perché non gli è stato insegnato.

Fedya è stata molto fortunata che un gattino più grande, soprannominato Bello, vivesse con i vicini. Ha preso il patrocinio dei poveri: senza questo aiuto, Natalya non avrebbe affrontato. Fedya non capiva a malapena cosa fosse la vita familiare e, sebbene non ci sia molto nella sua testa deforme, è cresciuto come un gatto gentile e ingenuo.

Oggi Fedya sta bene, se così posso dire. Ama abbracciare la mano della sua padrona e fare le fusa nel palmo della sua a lungo.

Fonte: lemurov.net

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi con i tuoi amici su Facebook: