Un ragazzo ha trovato un cucciolo per strada e lo ha accolto. Il cane ha terrorizzato i vicini per molto tempo ed è stato portato in un rifugio per cani, dove non è stato accolto. Perché non è un cane

Molte persone hanno sentito parlare delle storie in cui un ragazzo trova un cucciolo e diventano migliori amici. Ebbene, non è questo il caso. Quando uno studente universitario di 18 anni dell’Arizona ha trovato un cagnolino per strada, ha chiesto ai suoi genitori di tenerlo. Decisero che sarebbe stata una buona idea avere un cane in casa e accettarono facilmente di accogliere il bambino, che fu chiamato Neo. Tuttavia, i suoi proprietari notarono subito che il cane era diverso dagli altri. Come scoprirono in seguito, non era nemmeno un cane.

I proprietari iniziarono a sospettare che il loro cucciolo avesse qualcosa che non andava quando si accorsero che non si comportava come un cane normale: evitava le persone e non obbediva.

Il cane era stato messo nel cortile di casa per avere spazio per giocare, ma non era sufficiente, quindi scappava continuamente dai pastori tedeschi dei vicini scavando o semplicemente saltando la recinzione.

Per evitare che il cucciolo disturbasse i vicini, i suoi padroni decisero di costruire un recinto più grande, ma anch’esso non riuscì a impedire all’animale di scappare continuamente.

Quando Neo è scappato di nuovo, i vicini hanno chiamato il rifugio locale per tenerlo fino all’arrivo dei suoi proprietari. Tuttavia, quando la direttrice del rifugio ha visto Neo, ha chiesto: “Lo sai che non è un cane, vero?”

Secondo la legge dell’Arizona, solo le persone di origine indiana o con un permesso speciale possono tenere i lupi in casa. Pertanto, Neo è stato inviato al canile Wolf Connection, specializzato in lupi.

Qui è diventato chiaro il motivo per cui scappava sempre dai cani dei vicini: aveva solo bisogno di compagnia, che ha trovato tra gli altri lupi che vivono nel territorio di questo canile.

E ora Neo si comporta bene, perché questa vita gli si addice completamente!

Источник: twizz.ru

Понравилась статья? Condividi su Facebook: