L’impresa funebre lascia visitare il cane per dargli l’ultimo saluto

Gli esseri umani non sono gli unici a soffrire per la scomparsa dei propri cari. Basta chiedere a Jeremy May, presidente di Elements Cremation, Pre-planning & Burial nella British Columbia, in Canada. Di recente ha incontrato un cane di nome Sadie che ha dimostrato questa verità nel modo più indimenticabile.

All’inizio di quest’anno, dopo 13 anni di fedele compagnia, il migliore amico di Sadie è morto improvvisamente per un attacco di cuore. Lei era lì al suo fianco, come sempre, quando è successo.

“Dopo che i paramedici sono arrivati e non sono riusciti a rianimarlo, Sadie si è sdraiata accanto a lui e ha ripetuto di mettere la testa sopra e sotto la sua mano”, ha detto May a The Dodo.

La moglie e la famiglia dell’uomo erano devastate, così come Sadie. Nei 10 giorni che hanno preceduto il funerale, è stato evidente che il cane, con il cuore spezzato, non era in grado di affrontare la situazione.

“Durante quel periodo Sadie non mangiava, non dormiva da sola e passava le giornate ad aspettare alla finestra e alla porta il suo ritorno”, ha detto May.

Poi tutto è cambiato.

Il giorno del funerale, la vedova del defunto portò con sé Sadie e May sapeva che non doveva essere trattata diversamente da qualsiasi altro membro della famiglia in lutto.

Sadie è stata accolta calorosamente nella cappella, in modo che anche lei potesse dare l’ultimo saluto.

“Il cane era importante quanto un coniuge e un figlio, quindi era importante permetterlo”, ha detto May. “Quando Sadie si è avvicinata alla bara si poteva sentire e percepire l’emozione degli ospiti. Non c’era un occhio asciutto nella stanza. È stato un momento emozionante e da far rizzare i capelli”.

È stato un momento emozionante, ma anche un momento di guarigione.

Quel giorno, dopo essere tornata a casa, Sadie ha mangiato due pasti completi. Il suo spirito si era risollevato.

La tenerezza della foto qui sopra ha aiutato anche la mamma di Sadie ad affrontare la sua perdita. Purtroppo, però, May dice che alcune agenzie di pompe funebri vietano ancora a un animale all’interno di dare l’ultimo saluto come ha fatto Sadie. Si spera che la storia di questa cagnolina contribuisca a far cambiare le cose per i membri di famiglie come la sua.

“Se qualcuno ha mai dubitato del livello di comprensione e della capacità emotiva dei nostri cani, questa esperienza dovrebbe far dimenticare tutto”, ha detto May. “Anche i nostri animali domestici hanno bisogno di una chiusura. Sentono la perdita e provano dolore”